lunedì 13 febbraio 2017

Some people

Alcune persone vanno davvero prese a modello. Per i concetti che la loro mente è in grado di elaborare, per la capacità che hanno di rendere semplici anche le cose più complesse. Lo capisci già da come parlano e dal fatto che “sono sempre sul pezzo”. Sono persone dalle quali c’è solo da imparare. Poi ci sono altre persone, invece, dalle quali puoi apprendere una sola cosa: non essere come loro. C’è però una cosa che distingue le prime dalle seconde ed è un concetto tanto astratto quanto, per contro, tangibile: l’aura. I “numeri primi” hanno un valore intrinseco che rende la loro unicità palpabile: lo vedi nel modo di comportarsi, corretto e posato; lo senti nel modo di parlare, pacato e gentile; lo percepisci da come ti guardano, perché sono capaci di penetrare l’anima con una sola occhiata, mettendoti a nudo senza farti però sentire a disagio...

Some people are real role models. For the ideas they’re able to express, for their capacity of making simple even the most difficult things. You just realize this hearing them speaking, because they’re always in the know about something. You only need to learn from them. Period. Beside these, there’s a second category of people: the ones you just need not to be equal to. Anyway, there is a thing that distinguish the role models from the pretentious people and, even if conceptual, it’s something evident: the halo. The “prime numbers” have an intrinsic value which is palpable: their behavior is correct and sensible, their way of speaking is kind and quiet, their gaze looks through your soul without making you feel uncomfortable...

Tommy Hilfiger shirt and cardigan
Diesel jeans
Prada boots
Furla bag

MUSIC: Il Diario Degli Errori, Michele Bravi
INSPIRATION: The smaller the understanding the situation, the more pretentious the form of expression (John Romano)

Nessun commento:

Posta un commento