venerdì 13 novembre 2015

"Quotidianitudini"

Stamattina, come di consueto, ho aperto Instagram e mi sono messa a sfogliare la pagina principale in cerca di scatti particolari sui quali mettere “mi piace”. Mi sono imbattuta in una bella foto di una nota it-girl milanese e non ho potuto fare a meno di restare colpita dal suo commento alla foto. Semplice, diretto e palesemente scorretto dal punto di vista grammaticale: quotidianitudini. Preciso che l’errore era voluto, ma la genuinità di quella parola sbagliata, ovviamente associata all’immagine del salotto di casa della ragazza in questione, mi è parsa così vera, anzi, di più: tremendamente attuale. Mi piace pensare a quella luce, a quel divano messo lì quasi per caso e a qualche oggetto sparso alla rinfusa, così com’è nella vita reale. E ringrazio ogni giorno Instagram perché ci offre un occhio sul mondo che non finirà mai d’essere fonte d’ispirazione.

This morning I woke up as always and I opened Instagram, visiting its home page to find some beautiful pictures where to put my Like. I saw an interesting pic of a well-known it-girl from Milan and I was surprised for the effect of the tense put below the image. Simple, immediate and clearly wrong: “quotidianitudini”. The mistake was done on purpose, but I found it so true and relevant today more than ever, especially because linked to the living room pic. I like thinking about that light, that sofa and all the things scattered all around, as it is in the daily life. I’ll always be grateful to Instagram because it gives us a world’s vision that is a continuous source of collective inspiration.

Short parka: Nahv
Scarf: MCS
Sweater: Sun68
Jeans: Diesel 
Hogan Rebel sneakers
Bag: Prada

MUSIC: Wild Boys, Duran Duran
INSPIRATION: Non si deve misurare la virtù di un uomo dalla sua eccezionalità ma nel quotidiano (B. Pascal)

Nessun commento:

Posta un commento