giovedì 1 agosto 2013

Philadelphia

Philadelphia, quarta tappa del mio viaggio americano, è sicuramente un'altra città che mi resterà nel cuore per sempre, in parte per la sua bellezza, in parte perché ha una storia più consistente di altre città e quindi è ricca di luoghi interessanti da visitare. Il mio primo consiglio su Philly (come la chiamano gli abitanti) è di girarla attraverso i mitici bus tour. Io e mio marito siamo stati davvero fortunati, perché il punto di partenza del tour (Independence Visitor Center) era a due passi dal nostro hotel (Monaco Hotel), che tra le altre cose era praticamente al centro della zona dell'Indipendence Hall (l'edificio in cui è stata firmata la Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti) e di “Mrs.” Liberty Bell (la campana che suonò l'Indipendenza). Insomma, una posizione davvero strategica! Cosa consiglio di vedere a Philly, a parte i due nomi già citati? Beh, da non perdere assolutamente è il Reading Terminal Market, un mercato coperto dove si trova qualsiasi genere di cibo: dal pesce alla cucina Amish, dalla carne del Nebraska alla pizza Italiana, dai panini più strani ai crostacei più raffinati, dalla frutta di ogni tipo alla pasta, dai dolci fatti a mano alle caramelle gommose. Altro punto davvero splendido, benché frequentatissimo (bisogna fare la fila per una foto), è il Love Park, costruito dall'architetto Edmund Bacon, padre del famoso attore Kevin Bacon. Sarà l'angolazione della mitica parola, sarà che a far da sfondo c'è sempre un cielo meraviglioso, ma sta di fatto che questo parco è davvero spettacolare. Una visita merita anche la famosa scalinata di Rocky, che porta al Museo delle Arti di Philadelphia, nonché l'Eastern State Penitentiary, che per 9 mesi ha ospitato anche Al Capone fra i suoi detenuti. Il look scelto a Philadelphia, come per ogni tappa del viaggio, è stato comodo. OK, la borsa centrava poco (perlomeno in termini di colore) con il resto dell'outfit, ma a Philly è stata necessaria per avere un bel po' di spazio a disposizione per tutte le cose che dovevamo portare con noi. Che dire ancora di questa città? Se avete occasione di viaggiare negli States, non perdetevela: regala davvero ricordi rossi come la scritta LOVE!

Philadelphia, fourth stop-over of my American trip, is another city that will stay in my heart forever, both for its beauty and for its history (it's full of interesting places to see). My first suggestion about Philly (as it's called from its citizens) is to visit it by bus, with the famous bus tour. Me and my husband were very lucky, because the tour starting point (Independence Visitor Center) was near out hotel (Monaco Hotel), which is also in the center of the zone where you can visit the Independence Hall (the building where the Independence Declaration of the United States was signed) and Mrs. Liberty Bell (the bell that rang upon hearing of the vote for independence). A strategic point, absolutely! What are my suggestions for Philly, apart from the already named Hall and Bell? Well, you can't miss the Reading Terminal Market, an indoors market where you can find any food you want: fish or Amish food, Nebraska's meat or Italian pizza, strange sandwiches or excellent shellfishes, fruits or pasta, handmade cookies or gummy candies. Another special place to see is the Love Park: it was built following the project of the architect Edumnd Bacon, father of the famous actor Kevin Bacon, and it's worthwhile visiting it, even if you have to queue to take a picture. Maybe it's for the word, maybe it's for the sky on the background, but this place is amazing. Another unavoidable place is the famous Rocky steps (that brings you at Philadelphia Museum of Art) and also the Eastern State Penitentiary, where Al Capone was incarcerated for 9 months. The chosen look for Philadelphia, as per every stop-over in this trip, was comfortable. OK, I know that the bag didn't match the colors of the outfit, but I needed a capacious one to put a lot of stuff inside. What else can I say? If you have the possibility to make a trip in the USA, don't miss Philly: it gives a lot of memories, red like the LOVE writing! 

 
 Polo shirt: Tommy Hilfiger
Denim shorts: Diesel
Sneakers: Nike
Mirror sunglasses: Ray Ban Aviator


MUSIC: Soundtrack, Rocky
INSPIRATION: I love the dignity in the name Philadelphia, but at heart, we're Philly (Lisa Scottoline)  

Follow me on Kyoss Magazine   

Follow me on Bloglovin

Nessun commento:

Posta un commento